La poesia erotica di Angelo Manna,e le mitiche “Maîtresse” dei bordelli napoletani.

*

Giuvanne’o stuort:’o massimo!

O meglio d’e’ cliente

Me fa sburra cu’ll’anema

e nu me dà maj’niente…

Risente:ma ii’j a’ffennere

ll’j a piglià a mmorze ‘braccia

ng’j’alluca:si ha chiave a !

ng’j’ a sturtiglia nu vraccio…

Se nfoca:ma ll’j’ a vattere

ng’j’ a nfizza ‘e ddete ‘nculo

ll’j’ a sfracassà,ll’i’ a cocere

ng’j’ a pognere ‘o cetrulo!…

È masochistico erotico:

na specie ‘e sessuato

e pe’pagliette e mmiereche

è nu ddio ‘e dipravato.

Ma a me ca só na zoccola

me piace tale a quale;

e allora torno femmena

e me piglio ‘a vendetta!

Comme si tutte ll’uommene

stessero a’pizzo suojo

aizo ‘a mana e nfranghete!

Dallo e dallo e non so’cchiú troja!

Ttutte’e’ ddiece Anne ‘e vasule
_na vita!Scarpesata!

dint’a stile mmane scoppiano

e sso”e ddie d”e ‘mazzate!…

Chesto pe chillo piecuro

ca me vasava’nfronte

e me portava a ffottere

comm’a na vacca ‘e monta.

E chisto pe’zi’prevete

ca pe na scorza e pane

cacciava,nnanz’-a mammema,

e’ mm o metteva ‘mmano!..

E chest’ato é pe’ppatemo

ca se sta ancora zitto

pecché nge faccio comodo:

curnuto,si, ma addritto!…

E ttié! sta ciorta -e muzzeco

é pe chillo llà ffora

ca aspetta pé recogliere;

o datore e lavoro!…

O ccchiú schifuso e ll’ uommene…

Ma oramaj me gene a faccia:

“Denari,oggetti, macchine”

Isso cummanna e j’ caccio!…

Giuvanne ‘o stuorto o’ massimo de clienti!

Arrizza si’o strippejo !

E j ciacco a isso e ammereco tutt’e ferite meje!

Nge allucca si na chiavica

Nun vaje miezo buttone

Mammeta se fa a ssoreta

e ppateto é ricchione…

Ma po’nge attento a sbancula

e cchiú niente me tene

Torno latrina e zoccola

e me ne veco bbene !..

Tuosto ca pare’ e marmulo

Liscio ca pare e seta

Doce ca pare e zuccaro…

M’o’ spasso annanze e arete!

Tant’anne ‘ncoppe ‘o vasulo.

Stronze! Cha’avite visto?

A’lecca’a mecca?Chiacchiere!

O’cazzo bello é chisto!

Dint’a mezz’ora e spasimo chello ch’ é stato é stato!

Stevemo dint’e ‘tribbule

e mmo stamm’arrapate !

Io so’ na stronza e zoccola

e o stuorto é masochisto

Simmo na razza debole

Simmo povere criste

Ma va trova chi fossero

Qua’ rri,quali reggine

A nnuje nge hann’ a jettà ‘o cantaro!

Nge hann’a fa nu bucchino!

A te é piaciuto ‘o vattere

e j’nun vattevo a tte

E mo ch’é bello ‘o fottere

bell pe’ te’ e pé mme!..

M’appuozo ncopp’o ‘stomaco

nge spasso ‘o culo’mpietto

Sbavo,me sfurio e spandeco

me faccio fa na minetta

E quando tutt’é mmuseca

isso ca sta sperenno,

Mmocca m’affonna o fravulo

e me fa fà marenna!.

Ah!chella rrobba caverà

quà zuccaro e cannella!

‘ncuorpo me scenne bbarzamo!

Stuorto!Sfaccimma bella!

Giuvanne o’stuorto…

Se sose e se ne và..

E j’torno stronza e zoccola

a me fa scarpesà.(Da”L ‘ inferno della poesia napoletana”.

Antologia. Curata da Angelo Manna)

*

Annunci

Ossimoro “Lucida Follia”. Poesie di Rosa Frullo

*

Lascia che io ti ami.

Amo il gusto del tuo sangue denso.

Osservarlo nella mia bocca senza denti.

Il suo ardore mi brucia nella gola,

Amo il tuo sudore

Amo accarezzare le tue ascelle.

Che grandano gioia

Lascia che io ti ami

Lascia che io lecchi i tuoi occhi chiusi,

lascia che io li fori con la mia lingua aguzza,

e che ne riempia il loro infossato con la mia saliva.

Lascia che io ti ami.

*

La dolcezza delle tue labbra e la loro crudeltà,

insieme sono ritmi assedianti,

piccole,

fragili,

postille d’amore.

*

Col palmo della mano

immersa nell’acqua dei torrenti

io stessa assomigliavo a un sogno tra cielo e terra.

Anche il dolore rifiutava il mio corpo

Alga vomitata dal mare

Specie in ibernazione

Essere viva tra macerie e giorni di luce

Plancton

Dell’ebbrezza delle foglie che cadono

Fredde onde per un amore siberiano,

Alle mie spalle,

Striscia le mie ossa.

Unghie coralline che scavano fossi,

per vecchi castelli di sabbia.

L’acqua sognava ancora qualcuno che l’avvolga ,

é cosi difficile partire ,

tornare,

in un “paté d’homme” all’imbrunire.

*

Voci in calore nella notte,

nere verso la sera,

nere,

più nere della fine del mondo,

nere,

belle nell’orrore,

cupe nella gioia,

silenziose,

orgasmiche,

caste,

sigillanti,

strazianti.

*

Come assomigliano le tue lacrime alle onde del mare,

in un istante,

Felice,

rapace,

in cerca di una preda/carne

da fottere in gola.

Avevo il centro del piacere nell’orecchio sinistro,

Ti piace succhiare la lingua,

piace a te(a me)

Come assomigliano i battiti del tuo cuore le onde del mare

I tuoi occhi a quelli degli uomini che mi hanno compreso,

a questa lingua ubriaca di te,

che sente la vita ma anche la morte di una notte senza stelle.

Sarcophagidae/ frammenti di pensieri(1999-2005).Di Rosa Frullo

Quando lessi per la prima volta il “Il diario di un seduttore” di Kierkegaard, mi resi subito conto che qualcosa stava cambiando in me,per il semplice fatto che stavo per la prima leggendo e assaporando, godendo ciò che leggevo. Pativo già da tempo in un cumulo di parole,sommesse,nell’impossibilità dell’agire secondo una morale comune mediocremente universale. Desiderio,disperazione, noia,queste sono le fondamenta della” malattia mortale. Siamo ignobili cavie di esperimenti su noi stessi “.(La malattia mortale/S.A.Kierkegaard)

*

Solo la mia bocca soffre e trema ancora,

ma chi avverte il grido d’una lingua piatta,

inerte,

atrofizzata.

Fuori il sole trapassa l’ultima pozza d’acqua,

come sangue.

Là nel parco dove strisciavo

bambina,

timida come una lumaca

ma ricurva d’astuzia,

e felice qualche volta.

I vostri occhi vogliono notizie.

Si fermano sul mio grosso naso,

girando inquieti,

incapaci di capire.

I vostri passi strascicati già lontani sulla ghiaia,

ebbene,

Cadrò come una foglia,

morta,

sola,dignitosa, senza trucco.

É imbarazzante agonizzare quando i parenti vogliono mangiare,

mangiare.

Il rantolo benché profondo é spesso sboccato.

*

Follia dolce droga

entra nelle tue vene ,

circola col tuo sangue.

Non trovavo mai nessi che posasse per me,

in un dipinto grigio ma vivo di te.

Allora mi spalmavo i colori sul braccio

e dipingevo il mio volto sulle tue mascoline membrana

in una Matisse schizofrenia.

*

Vorrei contenerti in me per la sola aria che respiro,

consumarmi per il miracoloso sopruso di desiderio,

nudo,

che infiamma la carne che ti contiene.

Ed io che non so lasciarti ne starti accanto,

non ho volontà di ferro per rinnegati,

esiste solo un un volere di un dio bambino,

Vuole !

cosi come la carne scotta.

Amans. Diario di un mezzo seduttore.(1987-90) Poesie di Rosa Frullo.

“I giorni passano l’uno dopo l’altro e io sempre la ricerco invano. Più che mai gioisco nel pensiero di lei, eppur l’anima mia non ha desiderio di godere .Questo spesso mi contrasta e annebbiando il mio occhio mi turba” (Da “Diario di un seduttore/ S.A. Kierkegaard)

*

“Difficile est longum subito deponere amorem” (Gaio Valerio Catullo)

Ti sorprende,

di colpo

risvegliandoti,

l’oggetto fuori posto

il vaso in frantumi

lo specchio che ti guarda

allora cautamente ripercorri

la stanza,il sole,il cosmo

la trama compatta delle figure

l’essere che permane

le superfici refrattarie

intransitive,

indifferenti alla tua assenza.

*

” Nec tecum possum vivere nec sine te”(Gaio Valerio Marziale)

Lontano dagli spicchi di luna disegnati su un foglio

dalle sue curve nere senza orizzonte.

Restare come la fanciulla di Rodin

legata al tuo pene,

la bocca,

che del mio corpo ne codifica il richiamo.

L’acqua regista i nostri flussi, 1,2,3

É un gioco di gocce,

un piacere che cresce tra la furia della pioggia che scende,

una voce che canta su foglie quadrate.

*

” In molle carne vermes nascuntur…”(Gaio Petronio Arbitro)

Mi innamorai di quel volto trapunto di spine.

Colava la cera ,

soffocando l’ aroma dell’ incenso misto ai vermi,

il disinfettante non uccide i vermi,

i vermi nascono solo dalla carne tenera,

e dallo sperma sparso nel vuoto.

Un giorno sarò lontana da tutto questo,

percorreró come un tempo il corridoio ,

ma con i piedi nudi e neri,

sedendo alla tua tavola,

divorando la tua anima

desiderando solo le tue parole di benedizione.

Poesie per una madre. Valentino Zeichen e Rosa Frullo

*

A Evelina, mia madre

Dove saranno finiti

la veduta marina,

il secchiello e la paletta,

e i granelli di sabbia

che l’istantaneo prodigio

tramutò in attimi fuggenti,

travasandoli dal nulla

in un altro nulla?

Dove sarà finito l’ovale

di mia madre

che fu il suo volto e

e che il tempo ha reso medaglia?

Perché non mi sfiora più

con le sue labbra,

dove sarà volato quel soffio

che raffreddava la mia minestrina?

Dove le impronte di quel

lesto e disordinato

sparire delle cose?

In quale prigione di numeri é rinchiuso il tempo?

Rispondi !Dolore sapiente,

autorità senza voce.

(Da” Metafisica Tascabile “1997/Valentino Zeichen)

*

Avvolta nello scialle di una madre, (per mia madre e mia nonna)

Adesso il suo nome é ovunque,

ancora seduta davanti alla finestra,

ancora,

nei meridiani della memoria,forse.

La lontananza é tutto da molto tempo,

come ditirambi per la pestilenza,

noi pativano l’assenza ,

Io e Lei.

Il nero della notte é subito di seppia

che forse annega il suo essere presente,

così come ne viene ogni istante:” A picerella mia a’dó stà!”.

Arrampicando mi sui tuoi capelli.

Oh dai ! Fammi le boccacce,

rotolami ancora dentro e la bi-goffa sua felicità,

rotolami ancora dentro, dentro!.

Il tavolo per sorreggere le tue dita e il bicchiere,

lasciato a metà,

e come le altre cose del mondo.

“Oh piccerella! che non sono altro.

La bellezza canta sempre la sua imperfezione… /La poesia delle donne e il loro rapporto con l’eros. Amelia Rosselli, Paula Schöpf, Isabella Teresa Kostka, Maria Luisa Spaziani, Joyce Mansour.

*

Sesso violento come oggetto(cava di marmo imbiancata) (anfora di creta ricurva) e nascostissimo in forma d’uovo assaltava il solitario, come se fosse la grandine a tempestare, nel salotto. Non gaudente, non sapiente, serpentina mente influenzato da esempi illustri o illustrazione di candore, per la pace, per l’anima purulava. Non sapiente non gaudente, ma sapiente e mercantile speronato come il vascello contro le rocce pipistrelle, cadeva di colpo dall’alto del rigore e della danza, dal sol fa mi do di un’altra giornata; non sapiente e non gaudente travestito da soldato annaspando e arrischiando tra le capanne di maiale, rovistando, come forma e come oggetto, il sesso si serviva di lui.

L’ inferno della luce era l’amore. L’inferno dell’amore era il sesso. L’inferno del mondo era l’oblio delle semplici regole della vita: carta bollata ed un semplice protocollo. Quattro letti bocconi sul letto quattro amici morti con la pistola in mano e quattro stecche del pianoforte che ridanno da sperare.

(Serie Ospedaliera 1963-1965 Amelia Rosselli)

*

Nel nel buio scriverò fiumi di parole

che nessuno mai leggerà

che nessuno mai capirà.

Nella mia notte

mille fantasmi mi parlano d’amore senza voce.

Nella notte l’anima si perde,

e nessuno se ne accorge.

*

Come un pittore affamato di bellezze

percorro ogni via

e al crepuscolo

mi fermo agli angoli del mondo.

E dipingo la tua vita

sorella

amica

prostituta

lo sguardo perso nel vuoto

hai negli occhi L ‘aurora è il tramonto

ondeggiando mostri il languore dei tuoi piedi

ondeggiando mostri un seno turgido di tristezza

false mosse di donna vissuta

nascondono un pudore di bambina

scoprendo un ventre fertile di malinconia

Donna regina affamata di baci

donna bambina di neve dalla vita spezzata

malinconica danzatrice giochi con il vento parli con le nuvole e ti inebri di rimpianti

Il tuo sguardo

a volte sognante

a volte crudele

riflette un cielo colmo di menzogne frutto di una deforme è orribile triste realtà

sorella

amica

prostituta

che importa che tu venga dal cielo o dall’inferno

sei bella come un sogno di pietra.

Troneggi come una Sfinge incompresa

ridi e piangi mentre passano sul tuo corpo grovigli di pensieri

e memorie che feriscono sempre

donna regina affamata di baci

donna bambina

nessuno , nessuno, bacerà le tue lacrime.

sorella

amica

prostituta.

(Amica, sorella, prostituta da/ La mendicante dei sogni /Paula Schöpf)

*

Lasciatemi sola con la mia morte

devi dirmi parole in re minore

che non conoscono i vostri dizionari

parole d’amore ignote anche a Petrarca.

Dov’è l’amore è un oro sopraffino

inadatto a bracciali per polsi umani

Io e la mia morte parliamo da vecchie amiche

perché dalla nascita l’ho avuta vicina

siamo state compagne di giochi e di letture

abbiamo amato e accarezzato gli stessi uomini,

come un’aquila ebbra dall’alto dei cieli,

solo lei mi svelava misure umane

ora mi insegnerà altre misure

che stretta nella gabbia dei sei sensi

invano interrogato sbattendo la testa alle sbarre.

E’ triste lasciare mia figlia e il libro da finire

ma lei mi consola è ridendo mi giura che quando è da salvare si salverà.

(Testamento /da tutte le poesie 2012)

*

Domani

quando i freschi germogli moriranno

non ricorderete più quel limbo di piace,

che ad ogni segno dell’umana lussuria

spalanca le porte del mio grembo,

per accogliere estranee, insaziabili membra.

Sarò per voi un frutto appassito

con la buccia seccata, arsa dal sole,

un sacco impuro pieno di marciume,

l’immagine blasfema di un volto materno.

Lapidata da false remote saggezze

verró condannata a l’aspro disprezzo,

scartata dagli angoli di ogni coscienza,,

gettata in un sacco di immondizia.

Domani,

quanto in cenere si trasformerà la carne

in fredda tomba trovando dimora,

cancellerete ogni ricordo

del mio traguardo in questo inferno,

di me rimarrà soltanto la polvere

calpestata per sempre sull’asfalto della strada.

(Le memorie di una prostituta /da Peccati . Izabella Teresa Kostka)

*

Vuoi il mio ventre per nutriti.

Vuoi i miei capelli per sfamarti.

Vuoi i miei seni, i miei reni, la mia testa rasata.

Vuoi che muoia lentamente lentamente

Che mormori morendo parole infantili.

(L’ Eros senza fine /Joyce Mansour)

Preghiera per Amelia suicida (11 Febbraio 1996). Di Rosa Frullo

Lassù per la tromba delle scale,

la ragione si fa luce,

Mi chiesi :”Ma quale legge, può dirmi di vivere o morire!”

Allora un brivido per bocca dolce mi divorò,

di parole,

le stesse parole per cui tu non ci sei più.

Sapessi quante volte ti ho sognato,

portati via dall’ombra della morte,

con il semplice amore delle mie mani vuote.

Inferno,e ritorno

alle strade,

a una vita,

lo stesso destino di dolore,

solitudine,

umanità,

per milioni e milioni di volti: “Bisogna prendere l’amore

dovunque!”

Tu cantavi con le dita nere, che stilarono per me,

per noi,

gocce di sangue come sangue come manna scesa dal cielo.

Ora sei tra le mie dita,

principessa triste,

precipitata dalla torre più alta.

Sorella,

Forma amica,

Con me per sempre tra milioni e milioni di voci ,

di volti .

“L’inferno della luce era l’amore,l’inferno dell’amore era il sesso,

L’inferno del mondo le semplici regole della vita” (Poesie

d’amore/Amelia Rosselli)

Rouge.Poesie di Rosa Frullo.

*

Il rosso della città del sole

indica in silenzio le nubi,

il luogo perfetto,la ruga tersa e

nera che piega le sillabe,

il nome supposto ,dolce,

inascoltato.

Più sotto il verde

disteso leggero a china,

il vento,tre nodi al fazzoletto,

ben stretto e legato.

*

Questo sorriso,nero, sghembo,

che accarezza tutte le domande

è un infinito andarcene a ritroso,

benché io sola parto,padrona

delle mie piogge,

benché ti vedo immobile

dopo l’amore,e la tua voce

oscura,chiara afferri la gola

solo per caso o malinteso.

*

Universo con uccelli

Oh l’impalpabile

con l’angoscia di una

tredicenne,molto più diretta,mai

diretta é la strada dai mattoni

rossi,ora poesia.

Perché dover parlare a

comando,mi basta pensare da

sola e con le voglie di una

sedicenne,di macchine ragazzi

più di uno, le stesse facce da

sempre non più di una vita,

fuggiaschi,ribelli, maledetti.

Oh l’indefinibile

quello che mi stava accadendo.

Crescevo,e con me le mie mani,

i piedi,le braccia,la passione

di una ventenne,

foglie che cadevano sugli

sugli alberi ali uccelli.

Tutto era irraggiungibile

per noi che scoprivamo,

gelosi, curiosi,i nostri

innamoramenti sani.

Sono sull ‘albero di pesco rosa

cangiante,

oh prodigio,

frutto di una nuova vita;”Oh

figlio tanto atteso”.

Shorts. La lingua tagliente in un poeta dissidente. W.H.Auden

“Se la poesia fu mai per lui una questione di ambizione, visse abbastanza lungo perché essa diventasse semplicemente un modo di esistere. Da qui la sua autonomia ,la sua assennatezza il suo equilibrio, la sua ironia il suo distacco ,in breve ,la sua saggezza.(Iosif Brodskij,).Da quella “saggezza” Auden distillò in certo numero di precise gocce nella forma che egli stesso chiamò Shorts e che si incluse in varie raccolte. Composizioni di durata minima, scarne,dove si addensa il wit-o un ‘ esperienza o una pura percezione o una fulminea verità gnomica. Un’aria di gioco o di un lieve conversazione le avvolge: ma la punta é acuminata, e trova subito il nervo delle cose”.(Gilberto Forti)

*

Un’ ebbrezza che sa di essere ebbra,può dire verità cui la logica é sorda.

*

Probabilmente gli uomini dabbene sono più numerosi dei maiali,ma ben pochi possono ereditare i geni,o assicurarsi vuoi il denaro vuoi il tempo,per aggregarsi agli uomini civili.

*

Un uomo morto che non ha mai causato morte ad altri raramente si merita una statua.

*

Patrioti? Ragazzetti,ossessionati da “Grandezza” ,Grandi Cazzi ,Gran Soldi,Grandi Bang.

*

Dopo il massacro si misero in pace la coscienza ,narrando barzellette.

WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora